Cause legali dicono che l'azienda di intelligenza artificiale ha violato i diritti d'autore

Il New York Times è fare causa OpenAI, società di ricerca sull'intelligenza artificiale, per violazione del copyright. 

In una causa depositata il 27 dicembre 2023, il Times sostiene che OpenAI ha utilizzato migliaia di suoi articoli senza autorizzazione per addestrare il suo popolare chatbot ChatGPT. Il Times sostiene che questo utilizzo minaccia la sua attività riducendo il traffico web, che determina le entrate pubblicitarie e gli abbonamenti. 

L'azione legale chiede a OpenAI il risarcimento dei danni, compresi i profitti ottenuti dalla presunta violazione. 

Questa causa fa parte di un'ondata di sfide legali sui dataset di addestramento dell'IA. Anche gruppi di autori di narrativa e comici hanno citato in giudizio OpenAI, sostenendo che ha utilizzato le loro opere senza consenso. 

Gli esperti di IA affermano che questi casi sollevano questioni cruciali sulla legge sul copyright e sull'impatto dell'IA sulle industrie creative. 

OpenAI sostiene che il suo utilizzo si qualifica come "fair use" ed è protetto. Ma i tribunali non hanno ancora deciso se il fair use si applica ai sistemi di intelligenza artificiale costruiti utilizzando opere protette da copyright. 

L'esito di queste cause potrebbe influenzare in modo significativo il futuro sviluppo della tecnologia AI.

Per ora, l'azione legale del Times rappresenta una spinta da parte delle aziende del settore dei media contro i sistemi di IA che sfruttano i loro contenuti. Il modo in cui i tribunali definiranno questioni come l'uso corretto dell'IA potrebbe avere un impatto sull'adattamento della legge sul copyright alle tecnologie emergenti. I casi evidenziano le tensioni tra i creatori di IA e le industrie minacciate dalle sue capacità.

(“Scrittori che protestano contro i bot," Illustrazione di Devan Leos)

Autori in causa per ChatGPT

Oltre alla causa del NYT, è stata avviata un'azione legale collettiva separata. archiviata da un gruppo di autori di saggistica, guidati da Julian Sancton, contro OpenAI e Microsoft.

Secondo Reuters, NPR e documenti giudiziari, almeno 10 autori si sono uniti in una causa contro OpenAI, sostenendo di aver violato il copyright. 

Tra gli autori che hanno fatto causa a OpenAI ci sono:

1. John Grisham

2. George R.R. Martin

3. Jonathan Franzen

4. Elin Hilderbrand

5. David Baldacci

6. Jodi Picoult

7. Julian Sancton

8. Ramo Taylor

9. Stacy Schiff

10. Kai Bird 

Gli autori sostengono che decine di migliaia di libri di saggistica sono stati copiati senza autorizzazione per addestrare i modelli linguistici di OpenAI. La loro causa sostiene che questo costituisce un "furto dilagante" di opere protette da copyright, poiché gli autori non sono stati né compensati né hanno acconsentito all'uso delle loro opere. I tribunali non hanno ancora deciso.

Queste cause evidenziano la sfida legale più ampia che OpenAI sta affrontando riguardo all'uso di materiali protetti da copyright per addestrare i suoi modelli di IA. Gli esiti di queste azioni legali potrebbero avere implicazioni significative per l'industria dell'IA e per la protezione dei diritti di proprietà intellettuale.

Mentre alcuni possono sostenere che le azioni legali sono giustificate e giuste, altri sostengono che ChatGPT ha semplicemente imparato dagli scrittori - insieme a una mazzo di altre fonti di dati. 

Mentre i sostenitori dei querelanti possono affermare che ChatGPT sta traendo profitto dalle opere degli autori, i sostenitori di ChatGPT affermano che la conoscenza dell'apprendimento automatico e l'utilizzo di tale conoscenza per svolgere attività non è diversa da quella di una persona che impara a scrivere leggendo libri o articoli scritti da altre persone e traendone ispirazione, per poi implementare la conoscenza.

Queste non sono le uniche controversie che circondano l'IA. D'altro canto, si sostiene che i "rilevatori di IA" siano accusare falsamente gli studenti di usare l'IA.

Tasti AI

L'intelligenza artificiale creazioni che possono essere copiate?

Non negli Stati Uniti: i contenuti prodotti esclusivamente dall'IA sono esenti da copyright.

L'Ufficio statunitense per il copyright è aperto al diritto d'autore per le opere generate dall'IA, ma ciò è soggetto al grado di creatività umana coinvolto nell'opera. Se una persona manipola in modo creativo i contenuti generati dall'IA, questi potrebbero essere protetti dal diritto d'autore.

L'attuale contesto normativo che circonda l'IA è ancora in gran parte non definito e non sviluppato. Con l'avvicinarsi dei cicli elettorali, le cose potrebbero cambiare drasticamente o rimanere invariate.

Per ora, solo il tempo ce lo dirà...

**Come nota a margine, è possibile utilizzare il nostro rilevatore AI gratuito che analizza il testo attraverso 8 diversi rilevatori di intelligenza artificiale per mostrare come i diversi rilevatori vedono il testo.**

AI non rilevabile (TM)